Eventi in Evidenza

San Leo e i Castelli di San Marino rinnovano il patto di amicizia

Confini che uniscono e non si dividono: San Leo e i Castelli di San Marino rinnovano il patto di amicizia. Domenica 15 novembre la Capitale del Montefeltro rinnova il legame con il Castello sammarinese di Città, al quale si uniscono Chiesanuova e Acquaviva. Un evento che unisce le anime di tre nazioni, Italia, Repubblica di San Marino e Croazia e la conferma che la parola “confine” più che mai indica “unione” e non “steccato”: questo è quanto accadrà a San Leo domenica 15 novembre, a partire dalle 9.30 del mattino nella cerimonia di rinnovo del Patto di Amicizia fra San Leo e i Castelli sammarinesi di Città, Chiesanuova e Acquaviva, che si svolgerà presso il Convento di Montemaggio, proprio sul confine San Leo e San Marino. Il originariamente stipulato nel 1995 fra il Castello della Città di San Marino e San Leo e ripreso nel 2007, il “Patto” abbraccia un protocollo di collaborazione in attività sociali, culturali, sportive, tradizionali artistiche – come la celebre rassegna “Arte per Mare”, che ebbe grande successo – ed economiche, la promozione di prodotti tipici e la facilitazione di relazioni commerciali fra aziende di entrambe le parti. Il luogo scelto per la cerimonia della firma del patto è il Convento di Montemaggio, sulla linea di confine fra il territorio comunale di San Leo e la Repubblica di San Marino a simboleggiare un confine che unisca e non divida. Qui la cerimonia avrà il suo inizio alle 9.30 di domenica mattina, alla presenza del Sindaco di San Leo Mauro Guerra, dell’Assessore al turismo e alla cultura Carla Bonvicini, dei Capitani dei Castelli di Acquaviva e Chiesanuova Loretta Mazza e Franco Santi. Alle 11.15 nel Duomo di San Leo avverrà l’accensione della lampada, metafora del fuoco vivo dell’amicizia fra i tre stati. Tre copie identiche della lampada ardono perennemente nel Duomo di San Leo, in quello di San Marino, e nella città di Arbe, in Croazia, terra dalla quale provengono San Leo e San Marino, in origine monaci dalmati e dalla quale proviene l’olio utilizzato per far ardere lampade. Alle 15.00, nella sala del teatro a Palazzo Mediceo avrà luogo una tavola rotonda strategica, intitolata “I confini geoculturali del Montefeltro”: un incontro moderato da Luca Giorgini, rappresentante della Commissione Diocesana per l’Arte Sacra della Diocesi di San Marino-Montefeltro alla quale, oltre ai già citati rappresentanti dell’Amministrazione cittadina e del governo della Repubblica di San Marino, prenderanno parte eminenti studiosi marchigiani, emiliano-romagnoli e toscani fra i quali Armando Ginesi, Professore di Storia dell’Arte, Daniele Sacco, Vicepresidente dell’Associazione Studi Montafeltrani e direttore del “Progetto Montefeltro” dell’Università di Urbino, Massimo Bottini, Consigliere Nazionale di Italia Nostra, Francesca Michelotti, ex Segretario di Stato per la Cultura e attuale Direttrice dei Musei di Stato della Repubblica di San Marino e Angelo Turchini, docente di Archivistica e Bibliografia dell’Università di Bologna. Intervengono inoltre lo storico Vittorio Lombardi e il giornalista Augusto Mengozzi. La giornata sarà conclusa in musica, con un concerto d’archi da parte del Quartetto Rota, composto da Palo Baldoni, Aldo Capicchioni, Cecilia Scala e Aldo Zancheri, che avrà luogo alle 18.00 nella magnifica cornice della Pieve Romanica di Santa Maria Assunta.

Potrebbe Interessarti Anche...

Sic Day 2015

Sic Day 2015

Sic Day 2015, motomemorial dedicato al Sic.