Eventi in Evidenza

Litorale romano: dove passare l’estate sulla riviera di Roma

Il litorale romano potrebbe non sembrare una meta affascinante per i nostri lettori localizzati a Rimini, tuttavia possiamo affermare che la riviera tirrenica e in modo particolare la riviera romana ha alcune caratteristiche veramente interessanti.

Alcune spiagge sono davvero caratteristiche e te ne parlerò in questo post. La prima cosa da dire è che il litorale di Roma da un punto di vista strategico è ben collegato per coloro che hanno voglia di fare una crociera nel mediterraneo.

Dal porto di Civitavecchia ci si può anche  imbarcare per raggiungere le principali isole del nostro paese. Dal porto di Anzio invece si raggiungono in meno di un’ora le bellissime isole dell’arcipelago pontino e godere delle splendide spiagge e calette di Ponza, Palmarola e Ventotene.

Quindi quali i luoghi da visitare sulla costa laziale che va da Roma in giù?

Le spiagge più belle del litorale romano: mare inquinato?

Ora entriamo nel vivo dell’argomento e immagina di programmare la tua vacanza estiva al mare e mentre cerchi un albergo, hotel o bed and breakfast già ti vedi mentre fai lunghe passeggiate sulle coste della provincia di Roma e godi di un mare…inquinato? 

Certo l’inquinamento dei mari è un argomento attuale e mi verrebbe da chiedere se esiste un mare veramente non inquinato?

Pensieri ecologici a parte, ci sono alcune zone marittime della riviera laziale che godono del bollino blu da diversi anni. Una di questa è Anzio e ora ti spiego quali sono le spiagge migliori dal mio punto di vista.

Il Litorale di Anzio

Il lungo mare di Anzio è interessante non solo le spiagge strettamente vicine alla cittadina che tra l’altro conserva un antico porto romano. Le spiagge del comune di Anzio si estendono per diversi chilometri nelle frazioni di Anzio Colonia, Lavinio e Lido dei Pini. Ora vediamole nel dettaglio.

Le spiagge di Anzio città

Se ti piace andare al mare ma rimanendo a due passi dal centro e quindi raggiungerlo a piedi, ti consiglio di andare alle Grotte di Nerone.
La spiaggia è in parte libera e in parte privata ma lo scenario è davvero bello in quanto puoi vedere in lontananza il Monte Circeo e nei giorni molto limpidi anche Ponza e Palmarola.

Il fascino di questa spiaggia sa di antiche epoche, infatti si trova sotto l’antica villa di Nerone che trascorreva qui una parte dell’anno. Come si può notare dalle foto inoltre lo scenario è molto bello anche per le grotte. Al tramonto tutto si accende e si veste di passione con colori spettacolari.

Anzio gode del bollino blu da diversi anni e l’acqua è cristallina. Nelle vicinanze c’è la strada che ti collega al nuovo porto. 
Questa strada è anche usata come passeggiata in quanto costeggia la spiaggia di circa un chilometro o poco più. In estate è occupata dai stabilimenti balneari.

Al porto di Anzio puoi trovare imbarcazioni piccole, traghetti che collegano Anzio a Ponza e barche da pesca di piccola e medie dimensioni dove si può acquistare pesce fresco ogni giorno direttamente dai pescatori.

Le spiagge di Anzio Colonia

Anzio Colonia è una frazione che si estende andando verso nord ed e anche qui lo scenario che ti si apre davanti è molto bello.

Per darti un punto di riferimento su Google Map cerca Riva Azzurra ad Anzio colonia e imposta la navigazione fino all’hotel Serpa. Tutto questo tratto di costa lo potrai ammirare dall’alto della strada statale Ardeatina. Costeggia la strada statale un lungo e ampio marciapiede che ti permetterà di ammirare questo tratto di costa dall’alto. 

Al di sotto trovi vari stabilimenti balneari e alcune spiagge libere e il mare è cristallino. Spiagge molto amate anche dalle famiglie con bambini per i servizi che offrono e per le acque basse.

La riserva di Tor Caldara

Procedendo verso nord trovi una riserva naturale e anche termale (purtroppo non sfruttata) dal nome Tor Caldara. Anche qui il posto è suggestivo. La torre è immersa nel verde della pineta e si affaccia sul mare.

La spiaggia di Lavinio mare

Proseguendo da Tor Caldara verso nord per circa 3 chilometri si arriva a Lavinio mare. Volendo da Tor Caldare fino a Lavinio e oltre puoi arrivare anche a piedi camminando sulla distesa di sabbia. Diverse spiagge libere (un po’ piccole) e diversi stabilimenti balneari ben attrezzati.

La spiaggia di Lido dei Pini e il Parco della Gallinara

Proseguendo lungo la il litorale romano verso nord, arriviamo a Lido dei Pini. Questo tratto di costa ha pochissimi stabilimenti balneari (Le Galapagos e la Capannina3), da Lavinio infatti saranno circa 3 chilometri di spiaggia libera e spaziosa. 

Questa zona è particolarmente adatta agli amanti del windsurf e del kitesurf. Infatti è proprio un punto di incontro per coloro che praticano questo sport e vi sono anche delle scuole per imparare a maneggiarlo. Nei giorni ventosi il cielo diventa un vero e proprio arcobaleno dovuto ai colori delle vele dei tanti kitesurf che popolano questa spiaggia. 

Qui puoi vedere dei tramonti spettacolari.

Per dormire in zona vi sono sia case e appartamenti in affitto, b&b oppure il campeggio del parco della Gallinara a pochi passi dalla spiaggia. Questo parco è spettacolare perché è come un gigante polmone verde popolato di pini.

Torre Astura: uno dei posti più suggestivi della riviera romana

Se ami la giornata di mare fatta in modo confortevole tra lettino, ombrellone e bar questo non è il posto giusto per te, ma se invece ami un po’ l’avventura e ti piace camminare allora non puoi fare una tappa a Torre Astura.

E’ una delle ultime spiagge del litorale di Roma e subito dopo si entra in provincia di Latina di cui spero parlarti in un altro post perché merita veramente.

Quindi dal parcheggio custodito bisogna camminare un bel po’ lungo la foce del fiume per arrivare alla spiaggia più vicina e ti consiglio di non fermarti ma di proseguire perché quello che vedrai se hai il coraggio di andare avanti è veramente bello.

Ecco alcune foto della torre che raggiungi in circa 20-30 minuti di cammino. L’alternativa è noleggiare un gommone o una barca a Foce Verde (provincia di Latina) e raggiungere la torre via mare. 

Diciamo che lo svantaggio di questo posto è che non si può raggiungere con automezzi via terra e quindi d’estate sotto il sole è scomodo e può essere difficile trasportare ombrellone, borsa frigo etc. Calcola che il posto è suggestivo e selvatico non ci sta nulla, non ci sono bar, stabilimenti, bagni assolutamente nulla.

Il vantaggio è un posto particolare dove trascorrere una giornata lontano dalle spiagge troppo affollate e troppo “commerciali” e anche l’acqua non è niente male. 

Riserva naturale del litorale romano

Ecco ora un insieme di luoghi che uniscono mare, cultura e fauna naturale.

Se visiti la Capitale probabilmente hai pensato a quali itinerari turistici di Roma percorrere, ma perché limitarsi ai monumenti cittadini?
Sul litorale che va da Fregene a Ostia puoi visitare una bellissima riserva naturale che offre molto non solo dal punto di vista naturalistico ma anche archeologico.
Ad esempio ad Ostia antica puoi spaziare fra i resti dell’antica città romana. Inoltre l’antica civiltà romana è evidente anche nei porti imperiali di Claudio e Traiano.
Sul litorale di Ostia ci sono anche tre torri costiere (la tor San Michele e la Boacciana). Degna di nota è anche la pineta di Castel Fusano e le dune sabbiose di Castel Porziano.

Potrebbe Interessarti Anche...

Halloween a Cattolica

Halloween a Cattolica e dintorni

Cattolica vi aspetta per una notte da brividi ... la Notte di Halloween.